top of page
Blog: Blog2

La #coppia: l'altro che ci completa.

Cosa rappresenta una coppia sana? Essere una coppia, oltre alla condivisione della quotidianità e dei progetti di vita, dovrebbe anche permettere lo sviluppo psichico delle persone che vi partecipano, favorendo il loro processo evolutivo, che continua per tutta la vita. Questo è possibile sia in una fase di innamoramento, sia nella fase dell’amore maturo: l’innamoramento rappresenta la possibilità di amare ciò che fino a quel momento non riuscivamo ad amare in noi stessi, perché era incompatibile con l’immagine che ci eravamo strutturati di noi in precedenza. Cosa succede quando ci innamoriamo? Quando ci innamoriamo, vediamo nell’altro proprio quegli aspetti che non riuscivamo a vedere in noi. Durante questa fase, molte caratteristiche che ci appartengono e che erano state separate e nascoste molto in profondità, riemergono perché le proiettiamo sull’altro; in questo modo possiamo riappropriarcene e ampliare così la nostra personalità. È per questo che quando la fase di innamoramento viene interrotta e non sfocia in una relazione duratura, ci sentiamo mancanti di qualcosa di vitale, qualcosa che fa parte di noi e che era tornato alla luce perché proiettato sull’altro. L’incontro con la differenza dell’altro espande la nostra consapevolezza individuale, per questo sono proprio le diversità dell’altro ad attrarci, soprattutto inizialemente, rappresentando il motivo della scelta del partner. Durante l’innamoramento, l’altro scopre in noi qualcosa che nessun altro aveva mai visto e lo valorizza, permettendoci di integrare ciò che sapevamo di noi con queste nuove informazioni, modificando l’idea di noi stessi.

Successivamente, l’innamoramento si trasforma in amore più maturo e possono riemergere le nostre modalità abituali di comportamento, tanto che ciò che precedentemente ci aveva attratto è adesso motivo di scontro. Nella prima fase dell’amore, sembra che la ragione scompaia, successivamente torniamo sulla terra, la testa comincia a ragionare, ma il cuore rimane comunque acceso. Adesso, la persona che prima sembrava perfetta può rivelarsi diversa; soltanto chi è in grado di accettare la sfida di confrontarsi con ciò che non conosce può allargare i propri orizzonti, accogliendo anche l’alterità nella propria vita.

Ma cos’è che tiene uniti due partner? Ciò che è emerso dalle terapie di coppia è una certa complementarietà inconscia, la formazione di una personalità congiunta che permetta a ciascuna metà di riscoprire aspetti perduti di sé e che erano stati scissi o repressi.

Nel momento della formazione della coppia, i due partner devono, inoltre, soddisfare alcuni compiti specifici. Rispetto alle famiglie di origine, è importante stabilire dei confini di coppia chiari e realizzare un equilibrio fra la lealtà verso i genitori e quella verso il proprio partner. Inoltre, è importante che la coppia costruisca la propria identità, negoziando rispetto agli aspetti della vita quotidiana, attuando un rapporto di reciprocità con l’altro, ascoltandosi reciprocamente e prefigurando un progetto generativo. Accanto a questo, sarebbe importante mantenere il contatto con il mondo esterno, condividendo con il partner le relazioni amicali, ma senza perdere lo spazio per quelle individuali e supportare l’impegno del compagno nel sociale.



FILMOGRAFIA

- Harry ti presento Sally di Reiner

- Speriamo che sia femmine di Monicelli

- Chi ha paura di Virginia Woolf? Di Nichols

48 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Blog: Instagram_Widget
bottom of page